Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Sito della Camera di Commercio Riviere di Liguria Imperia La Spezia Savona - In Evidenza

Intestazione

Contenuto

Registro Imprese - Deposito situazione patrimoniale consorzi e contratti di rete con organo comune e fondo patrimoniale

 
Si ricorda che entro il 28 febbraio 2019 i contratti di rete dotati di organo comune e di fondo patrimoniale (art. 3, comma 4 ter D.L. 5/2009) ed i consorzi iscritti nel Registro delle Imprese (aventi quindi attività esterna), che hanno chiuso l'esercizio al 31 dicembre 2018, devono depositare la "situazione patrimoniale" osservando, in quanto compatibili, le disposizioni relative al bilancio di esercizio della società per azioni.
 
Per "situazione patrimoniale" deve intendersi, in forza del richiamo all'art. 2423 cod.civ. contenuto nell'articolo 2615 bis, oltre allo stato patrimoniale, anche il conto economico e la nota integrativa. Non deve invece essere depositato il verbale di approvazione da parte dell'assemblea. Solo nel caso in cui il consorzio svolga attività di garanzia collettiva dei fidi vi è obbligo di redigere il bilancio d'esercizio con l'osservanza delle disposizioni relative al bilancio delle SPA e depositarlo entro 30 giorni dalla data di approvazione unitamente all'elenco dei consorziati.
 
Lo stato patrimoniale, il conto economico e la nota integrativa devono essere presentati nel formato elaborabile XBRL, secondo quanto previsto dal D.P.C.M. 10 dicembre 2008. Si rammenta, a tal proposito, che dal 1° gennaio 2019 è in vigore la nuova tassonomia 2018-11-04 (G.U. Serie Generale n. 6 del 8 gennaio 2019), con obbligo di utilizzo per i documenti relativi ad esercizi chiusi il 31 dicembre 2018 o successivamente (con utilizzo obbligatorio dal 1° marzo 2019; fino a tale data saranno accettati anche i documenti predisposti con la tassonomia precedente, versione 2017-07-06).
 
Il ritardato o omesso deposito della situazione patrimoniale comporta il pagamento di una sanzione amministrativa di 91,56 euro (deposito oltre 30 giorni ma entro 60 giorni dal termine previsto) o 274,66 euro (deposito oltre 60 giorni) per ogni soggetto che ha la direzione del consorzio.
 
La modulistica Registro Imprese (Bilanci online, Fedra) prevede l’utilizzo del codice atto 722 (situazione patrimoniale soggetti diversi) per il deposito della situazione patrimoniale dei contratti di rete. In particolare il codice atto 722 è l’unica tipologia di bilancio depositabile dai contratti di rete con soggettività giuridica (forma giuridica RC) e dalle imprese individuali (che possono depositare il bilancio unicamente in qualità di impresa di riferimento in un contratto di rete).

pubblicata il: 08.02.2019

Condividi questa pagina: